Home Made BBS News Reload!

Discussioni generali sui giochi della Egosoft, tra cui X-BTF, XT, X², X³, X³TC, X³AP.

Moderator: Moderatori per il Forum Italiano

GVNN di Herron
Posts: 2602
Joined: Sun, 21. Oct 07, 15:58
x3tc

Post by GVNN di Herron » Sat, 23. Feb 13, 23:44

TELADI OBSERVER NEWS

ARRESTATI DUE FAMOSI RISTORATORI TERRESTRI OPERANTI NELLO SPAZIO ARGON

“Gabriel e Silotis Garatunis sono stati arrestati otto tazura fa dalle forze di polizia Argon rispettivamente a Terra di luce e Collina di Aladna.

I due fratelli, rinomati e famosissimi ristoratori, proprietari della elitaria catena di ristoranti Look Around, sono stati prelevati dalla polizia e condotti in prigione. L’intera catena di ristoranti è stata messa sotto sequestro e attualmente ispezionata niente di meno che dal genio della marina Argon congiuntamente ai reparti speciali della polizia scientifica.

Non sono chiari i capi di imputazione ma pare che le forze congiunte di polizia e genio stiano setacciando e perquisendo minuziosamente ogni millimetro cubo dell’intera catena composta da sei ristoranti.

Non è stata rilasciata nessuna dichiarazione ufficiale da nessuna delle parti, ma pare che gli avvocati, che assistono i fratelli terrestri, stiano per intentare una causa multimilionaria. Certamente non si muoveranno sino a che non verranno resi pubblici i capi d’accusa ma la questione è destinata a fare molto chiasso.

Nel frattempo mille speculazioni sono circolate sul net ma pare che la più accreditata sia quella che fa riferimento ad una qualche tecnologia terrestre nascosta all’interno della struttura dei locali adibiti alla ristorazione.

La gilda del profitto, nel frattempo, e stata costretta a rinviare a nuova data la sua riunione formale di questo mozura in quanto doveva tenersi al Look Around di Terra di luce.”



BEJAN BEUF
Last edited by GVNN di Herron on Sun, 24. Feb 13, 12:17, edited 2 times in total.

GVNN di Herron
Posts: 2602
Joined: Sun, 21. Oct 07, 15:58
x3tc

Post by GVNN di Herron » Sun, 24. Feb 13, 00:00

TELADI OBSERVER NEWS

INAUGURAZIONE DELLO SKALZHO SECURITY NETWORK

”Alla presenza delle autorità, e stato inaugurato oggi, a Nebulosa di Herron, il Centro della Skalzho Security Network.

La ex ereditiera, Merope Skalzho, assieme ai suoi soci, fonda oggi la sua società dedita alla sicurezza.
Il centro, composto solamente da uno spazioporto officina, è stato inaugurato dal governatore del settore.
Ad accompagnare l’amazzone erano presenti Eto D. , ex goner e sua guardia del corpo, Konig ‘Lucky’ Marteus, ex comandante della Justice for All, Senemedar Alcanzo, ex portavoce della GVNNCorp, Maia, comandate delle Valkyrie e Alimonattilan Onessilis e Maccuttanutis Futatis, due faccendieri Teladi.
Le promesse della neo inaugurata SSN sono di operare nel settore della sicurezza a 360 gradi ai massimi livelli.”


BEJEAN BEUF

User avatar
Capux
Posts: 2141
Joined: Sat, 31. Oct 09, 22:17
x4

Post by Capux » Sun, 24. Feb 13, 14:34

IBC NEWS - INTERVISTA ESCLUSIVA A MEROPE SKALZHO

Oggi per voi abbiano in esclusiva una intervista nientemeno che a Merope Skhalzo, tornata alla ribalta da alcune ore con la fondazione della SNN. Un nostro inviato le ha posto alcune domande, ed ecco quanto abbiamo saputo dalla ex ereditiera della GVNNCorp.

D: Eccoci qui con Merope Skalzho, ex erede dell’immenso impero della GVNNCorp e ora imprenditrice nell'ambito della sicurezza. Innanzi tutto, Merope, cosa la ha spinta a fondare l’SSN?
R: Dammi pure del tu. Io ed i miei soci abbiamo deciso di fondare lo Skalzho Security Network perché siamo certi di poter offrire al mercato dei servizi di altissimo profilo, unitamente ad una consulenza in questo campo che ha pochi eguali nell’universo.

D: Cosa ti rende tanto sicura di poterti affermare, assieme ai tuoi soci, in questo settore che non dà nessuna certezza? Molte agenzie dedite ai servizi di sicurezza sono sorte e tramontate in pochi jazura e nessuno di loro è mai riuscito a dominare questo tipo di mercato...
R: Innanzi tutto voglio precisare che noi non partiamo da zero ma ereditiamo tutto il know how ed il modus operandi della GVNNCorp. I miei soci e gran parte del personale della SSN provengono da li. Nella GVNNCorp, mio padre aveva costituito un nucleo centrale, il cuore pulsante dell’intera corporazione, come una famiglia. Avrebbe dato tutto per loro come loro per lui. Io ho solo riunito questi professionisti di altissimo profilo in un nuovo progetto che dia una certa continuità a ciò.

D: Quindi GVNN è finito, in modo tragico, ma tu vuoi continuare…
R: La GVNNCorp è finita. Una serie di sfotunati eventi ed una chiara volontà politica hanno portato alla sua fine ma GVNN non è per nulla finito, e a parte per mio padre anche il nucleo della GVNNCorp è ancora integro - certo non come corporazione a se stante, ma il legame tra i suoi membri e la loro esperienza sul campo non sono stati spezzati.

D: Allusioni importanti! Ne hai le prove?
R: Mio padre si occupa di questo, io ora ho un’ altra strada da percorrere.

D: E tuo padre dove si trova attualmente? Se le voci che si sentono sono vere ha non meno di 4 squadre di Inquisizione Paranid che lo cercano…
R: Dovrebbe essere alloggiato al Deep Sky Resort su Urano o se non ricordo male o nei dintorni di Reame del Pontefice ora non ricordo bene! (ride)

D: Certo che la GVNNCorp non ha lasciato una bella situazione dietro di se…
R: In realtà migliore di quella dipinta dai principali mezzi di informazione: mio padre era conscio del fatto che si stava infilando in un brutto affare, ma non penso che molte persone possano rifiutare una richiesta di aiuto formulata dallo Xaar in persona, visti i notevoli interessi economici in ballo nei settori Paranid. Prima di partire per la crociata ha fatto in modo che il 40 percento di tutti i possedimenti della GVNNCorp fosse accreditato ai dipendenti della corporazione; in questo modo quando la GVNNCorp è stata smembrata e venduta per ripianare in parte i debiti - ed il resto liquidato in tutta fretta - tale percentuale sia finita nelle tasche dei suoi dipendenti.

D: Ma se a te non è venuto in tasca nulla della GVNNCorp dove hai trovato i fondi per la SSN?
R: Dall’età di 10 jazura, mio padre ha iniziato a crearmi un patrimonio personale completamente slegato dalla GVNNCorp che anche se insignificante rispetto ai possedimenti della GVNNCorp al massimo del suo splendore, mi ha permesso di fondare la SSN. Inoltre io non sono sola, ho dei soci di minoranza che hanno aderito con entusiasmo al massimo delle loro disponibilità al progetto SSN.

D: Quindi la SSN vivrà dei suoi servigi consulenze?
R: Non solamente, ho preferito dotare la SSN di un equilibrio economico già all’inizio e non ho venduto tutte le mie attività, ho ancora saldamente in gestione la Distilleria di Fuoco Split, alcune attività in territorio Teladi e ho ancora in mano dei diritti di sfruttamento di una decina di asteroidi ad Aldrin, diritti che intendo sfrtuttare visto il boom del mercato dei minerali ed in particolare del silicio.

D: Molto bene, e la SSN come è strutturata?
R: Attualmente abbiamo una flotta molto ridutta: 2 Gladiator, 2 Viper acquistati dagli amici Split con l’aiuto dell’Imperatore JTK, 4 Zephyrus ereditati dalla GVNNCorp, una dozzina di caccia e 3 Springblossom che sono di proprietà delle Valkyrie, un M7 Deimos quasi distrutto e la "Justice for All" praticamente disintegrata. Le due navi più grosse le ripareremo appena disporremmo dei fondi necessari. Questo è il settore operativo e per ora potremmo dedicarci solo a incarichi di modesta entità, mentre per le missioni di incursione possiamo operare a tutti i livelli con le Valkyrie. Abbiamo una sezione cyberspace guidata da Alex ‘Core’ Zakosky, che era già alla guida della stessa divisione alla GVNNCorp. Maia è invece a capo della sezione operativa, mentre Konig Marteus è a capo della logistica e della sezione consulenza. Inoltre abbiamo una sezione scientifica guidata dalla stessa figura che operava a capo della divisione scientifica della GVNNCorp.

D: Da quando sarete operativi al cento per cento?
R: Siamo già operativi, dal momento stesso in cui abbiamo inaugurato il centro. Abbiamo già stipulato un paio di contratti con la NMMC. Il presidente è un vecchio amico di mio padre e ci ha chiesto di riorganizzargli il sistema di sicurezza informatico e di fare dei corsi di aggiornamento per il personale addetto alla sicurezza di base. Inoltre alcune ditte che operano nell’orbita della OTAS ci hanno chiesto informazioni generali ed il comandante degli incursori Argon ci ha chiesto se è possibile effettuare alcune simulazioni congiuntamente alle Valkyrie.

D: (con molta sorpresa) Ti chiedo scusa ma mi sembra una cosa poco credibile: gli incursori Argon sono tra i migliori dell’intero universo.
R: Ti ricordo che aono state le Valkyrie, congiuntamente alle forze della DNACorp, a liberare la Theresia, e non gli incursori Argon. Noi abbiamo preso Jack e loro hanno trovato Tall. Alla fine li abbiamo scambiati e tutti sono stati contenti.

D: E' vero. In che rapporti sei restato con gli altri membri della oramai defunta LCU?
R: (ci pensa un attimo) Bè, i rapporti si sono raffreddati un po’. Vuoi per la piega che hanno preso gli eventi vuoi perché mio padre e Tall sono scomparsi ed io non ho mai avuto rapporti così stretti come mio padre sia con Capux che con l’Imperatore JTK. Questo non preclude a nessun futuro sviluppo.

D:Io non ho nessuna altra domanda. E’ stato un vero piacere parlare con una donna così bella e che con grande coraggio che si appresta a vivere, spero da protagonista, gli eventi di questo nostro turbolento universo.
R: Grazie infinite, un buon Tazura!

Questo è quanto Merope ha rilasciato ai nostri microfoni. Riuscirà Merope a non venire soverchiata in questo mondo di sciacalli? Molti sono gli interrogativi, ma la figlia di GVNN pare essere assai agguerrita come lo era il padre - ormai sparito insieme a tutti i membri della scomparsa LCU.

Fa comunque piacere sapere che, seppur l'universo stia vivendo una situazione economica travagliata, ci sono ancora persone che tentano di andare avanti e alzare la testa, cercando di dare un nuovo impulso a questo spazio infinito.

Pilton Haris, Interactive Broadcasting Corporation (IBC) News
ImageImageImageImage

User avatar
Lucateo
Moderator (Italiano)
Moderator (Italiano)
Posts: 2308
Joined: Thu, 1. Jul 10, 11:11
x4

Post by Lucateo » Sun, 24. Feb 13, 23:09

Ufficiali terrestri si rivolgeranno agli Argon per apprendere tattiche anti-pirateria

La notizia dell'aumento dell'attività pirata nel Sistema Solare continua a preoccupare l'alto comando Terrestre.
Secondo fonti di alto livello i Terrestri, pur di eliminare la minaccia pirata, sarebbero disposti a inviare ufficiali dagli Argon per apprendere le sofisticate tattiche anti-pirateria portate avanti da anni dalla Federazione nel Commonwealth.

La decisione, che a quanto pare è stata accolta positivamente anche dagli Argon, ha una duplice valenza: in primo luogo il Governo Terrestre deve impedire in ogni modo la crescita della minaccia pirata e i metodi per ora applicati si sono rivelati piuttosto fallimentari.
L'esercito terrestre, infatti, considera i pirati come un vero e proprio esercito nemico e li affronta di conseguenza, con attacchi in grande stile e mobilitazione delle più imponenti navi da guerra. Questo tipo di tattica però mal si adatta all'utilizzo contro navi veloci in grado di portare avanti tattiche di guerriglia.
Gli Argon da anni portano avanti quella che essi stessi hanno definito "guerra intelligente". Questa tattica consiste nel creare un forte legame con i servizi segreti, infiltrare elementi sotto copertura e far utilizzo delle più moderne tecnologie per individuare carichi sospetti.

In secondo luogo entrambe le razze sono interessate ad attuare politiche di distensione: un conflitto su larga scala in questo momento non sarebbe conveniente per nessuno. Coinvolgendo i militari di entrambe le razze in un obiettivo comune si verrebbe a creare un legame più forte anche ad alti livelli, e ciò potrebbe impedire lo scoppio di un conflitto potenzialmente disastroso.

Non bisogna dimenticare, inoltre, che la Federazione Argon ha espresso più volte la propria preoccupazione per quanto riguarda il collegamento tra pirati e tecnologia terrestre.
Alcuni analisti hanno insinuato il sospetto che dietro i clan pirata nel Sistema Solare ci sia proprio la Federazione. Alla luce degli ultimi avvenimenti questa ipotesi sembra perdere peso, anche perchè gli Argon stessi sanno quando sia difficile relazionarsi con la moltitudine di clan pirata e soprattutto riuscire a controllarli senza rischiare effetti indesiderati .

N.F.U.
Image

simone1998
Posts: 928
Joined: Wed, 13. Jul 11, 18:49
xr

Post by simone1998 » Mon, 25. Feb 13, 20:49

L'alto Comando Argon in visita nei settori terrestri

Un gruppo di Ufficiali dell'esercito Argon sara scortato in una visita guidata dei settori terresti.
Il gruppo verrà prelevato dallo spazioporto commerciale di cimitero degli eretici dalla U.S.C. N.R. Gunne una Nave Classe M6 che trasporterà i visitatori sino alla U.S.C. Enterprise un M2+ Terrestre che accompagnerà gli ufficiali durante i 6 giorni di viaggio.
Il itinerario è segreto, si pensa per evitare ulteriori attentati da parte di gruppi di pirati insidiatisi nel sistema solare, tuttavia il comando logistico congiunto ATF-USC ha dichiarato che il tour si concluderà con una visita al Torus.
Alcune indiscrezioni affermano che fra le altre tappe vi sia la stazione di ricerca di saturno, il centro di produzione dei segnali di salto a Marte e probabilmente si effettuerà una sosta al cantiere dalla luna prima di procedere verso "la culla dell umanità".

I terrestri hanno disposto incredibili misure di sicurezza per evitare il ripetersi degli eventi di qualche giorno fà, l'Enterprise sarà scortata da due navi classe Osaka e da circa 50 caccia classe fenir.

Probabilmente i terrestri hanno voluto dare prova delle loro indubbie capacità militari alla federazione Argon, sicuramente per scoraggiare azioni ostili contro la federazione Terrestre

User avatar
Capux
Posts: 2141
Joined: Sat, 31. Oct 09, 22:17
x4

Post by Capux » Tue, 26. Feb 13, 00:17

IBC NEWS - PILOTA TERRAN RICHIAMATO PER INCURIA DELLA NAVE

Una notizia curiosa arriva oggi dai settori Terrestri: pare infatti che un pilota della ATF sia stato ufficialmente richiamato ed ammonito per l'incuria della nuova nave assegnatali.

Todd Albert era appena rientrato sulla Base Orbitale di Pattugliamento del settore Giove quando ha subito un ordinario controllo di routine alle attrezzature del suo nuovo Thor, appena datogli in consegna dalla AGI Task Force per il pattugliamento del settore Asteroidi del Sole. Il controllo ha rilevato diversi graffi sulla superficie della fusoliera della nave, dovuti probabilmente all'attrito con un altro oggetto metallico, come stabilito nel rapporto.

Albert aveva appena finito di pattugliare il settore Asteroidi del Sole, dove si era fermato sulla Base Orbitale di Pattugliamento e sulla Stazione Orbitale Difensiva per lo svolgimento di normali incarichi di routine; vista l'assenza di combattimenti durante il turno, ne consegue che, con tutta probabilità, il pilota abbia urtato un dock di atterraggio durante una manovra non eseguita correttamente, procurando così i graffi incriminati alla paratia. Del resto la nuova nave non aveva ancora disponibile il softaware per l'atterraggio automatico - che viene comunque considerato di deprecabile uso dalle alte sfere ATF, più per una questione di principio che per una effettiva inaffidabilità dello strumento.

Albert ha provato a difendersi asserendo di non aver mai eseguito tali manovra in maniera erronea, essendo lui uno dei primi a non utilizzare il programma per l'atterraggio automatico. Questo non è bastato a esimerlo da una nota negativa sul suo stato di servizio, cosa che ha stupito molto numerosi ufficiali: Albert, infatti, in 17 anni di servizio costante per la ATF non aveva mai ricevuto lamentele dai superiori, ma anzi era stato insignito di alcune lodi per meriti sul campo.

Le alte sfere ATF dichiarano che quanto accaduto è "assolutamente inaccettabile" in quanto "ogni pilota dovrebbe avere rispetto delle navi dategli in consegna e non rovinarle in questa maniera con manovre che dovrebbero essere l'ABC di qualsiasi pilota ATF, soprattutto dei veterani come lui" ed ha messo in conto al pilota stesso i costi della piccola riparazione da effettuare. Albert, dopo aver chiarito la sua posizione, ha poi ufficialmente dichiarato che non presenterà ricorso e che a prescindere dalla sua effettiva colpevolezza si scusa per aver messo la ATF in cattiva luce per questa sua negligenza.

Arvito Kinsilmi, Interactive Broadcasting Corporation (IBC) News
ImageImageImageImage

User avatar
-Dna-
Posts: 15959
Joined: Mon, 3. Jan 05, 14:11
x4

Post by -Dna- » Tue, 26. Feb 13, 00:17

L'Eco della Frontiera
Pilota esperto rovina caccia nuovo di cantiere

Normalmente la notizia di una nave danneggiata non fa molta strada, soprattutto se avviene in zone remote del sistema solare come i sistemi oltre la Nube di Oort. Però, quando il danno è strano e ad averlo fatto è un veterano di guerra, ecco che subito le voci si diffondono a macchia d'olio.

L'incidente è avvenuto in uno stabilimento industriale dell'ATF posto nella Nube di Oort. Dopo una pattuglia in quei settori, solitamente molto tranquilli e poco trafficati, una squadriglia di caccia ATF, tra cui un Fenrir di cui vi spiegheremo il ruolo tra poco, si è presa una pausa sulla stazione. La pausa, secondo i rapporti ufficiali, è durata circa un paio d'ore. La cosa strana è che al ritorno dalla pausa i militari hanno trovato il Fenrir parcheggiato storto e con una fiancata praticamente divelta, come se qualche pilota inesperto avesse sbagliato l'attracco alla stazione.

Insospettito, il capo squadriglia possessore del Fenrir ha chiesto subito ai controllori del traffico spaziale che cosa sia successo al caccia. Questi hanno risposto con un semplice "La nave è arrivata alle 14:42, esattamente 2 ore fa. Non si è mai spostata da lì e nessuna nave l'ha mai urtata. Evidentemente qualcuno ha alzato un po' troppo il gomito o ha fatto una bravata. La stazione declina ogni responsabilità sui danni alle navi".

Stranamente, nemmeno sulla stazione sono stati rinvenuti dei danni o dei detriti. Evidentemente lo sbadato pilota deve aver annegato il dispiacere di aver sbattuto contro qualche asteroide in qualche bevanda forte.


Zap Perennigan
Remember: Good things don't come to an end: good things just stop. ~ [cit. Sean "Day[9]" Plott]

:xenon: Xenon Love! \#/ :xenon:
:split: Grill the Borons! :split:
:pirat: Real pirates (ab)use Jumpdrive (and Rum) :pirat:

User avatar
-jtk-
Posts: 4276
Joined: Fri, 27. Feb 09, 20:38
x3tc

Post by -jtk- » Thu, 28. Feb 13, 22:27

paranid prime news


SCOVATA UNA BASE SEGRETA DEI SEGUACI DELLA LUCE



salve a tutti da armanckasset , tutto é iniziato alcuni giorni fà quando i seguaci della luce hanno messo una taglia su un argon , il capitano jetek

il capitano jetek é arrivato qui a terra paranid e ha chiesto di parlare con il generale kossemcklat della marina imperiale , sembra che i due si conoscessero da tempo e ha esposto un piano per scovare almeno una delle basi dei seguaci della luce utilizzando se stesso come esca , in cambio il capitano jetek mostrando particolari credenziali ha chiesto alla marina paranid di poter acquistare un dispositivo risalente alle vecchie guerre , un piccolo inibitore di salto da poter installare a bordo di una sua nave , raggiunto l'accordo il capitano jetek ha organizzato la propia cattura con i suoi uomini piu fidati

oggi il capitano jetek é stato consegnato alla rada del duca dove il contatto dei seguaci della luce lo attendeva , i suoi uomini hanno incassato la taglia e il capitano é stato fatto salire su una deimos dei seguaci della luce che poco dopo é arrivata nel settore

c' erano varie navi camuffate da mercantili che avevano il compito di seguire la deimos ma per precauzione il capitano jetek aveva un segnalatore sottocutaneo da attivare solo in prossimità della base dei seguaci della luce

la deimos ha iniziato ad effettuare jump a caso per far perdere le tracce e ogni volta veniva seguita da TS paranid camuffati da commercianti
fin quando all improvviso si é udito il segnalatore impiantato nel capitano jetek

il TS nel settore ha comunicato le coordinate e sono iniziate ad arrivare navi dal portale sud di crociata di gunne , la prima é stata una cobra di color viola che pestando sul turbo si é diretta verso il debole segnale che proveniva da sud del portale sud di crociata di gunne , in seguito sono entrate due deimos e una agamennon al comando del generale kossemcklat
una volta che la cobra é arrivata a distanza di triplex scanner dalla deimos dei seguaci della luce ha potuto attivare l inibitore di salto e a quel punto ha iniziato a lanciare un certo numero di hammer havey torpedo seguito da vari lanci di missili flail da sbarramento

la deimos non potendo saltare via ha iniziato a difendersi come poteva, navi di rinforzo sono subito partite dalla base dei seguaci della luce ma erano ancora troppo lontane per poter far qualcosa e prima di poter impostare una buona difesa i marines del capitano jetek stavano gia entrando nella nave e dopo duri scontri la deimos é stata catturata e il capitano jetek liberato
poco dopo le navi imperiali affiancate dalla cobra e la deimos appena catturata hanno raggiunto la base nascosta , li c é stata una considerevole battaglia vinta ovviamente dalla marina imperiale , dopo aver distrutto la base i seguaci della luce superstiti sono stati condotti a terra paranid dove subiranno le decisioni dello Xaar

il capitano jetek ha utilizzato i soldi della sua taglia per pagare l inibitore di salto alla marina paranid e ha anche preso possesso di una delle loro navi dopo averne condiviso il database con l impero paranid

si direbbe sia stata propio una brutta giornata per i seguaci della luce

qui armanckasset, paranid prime news vi saluta
Image

User avatar
-Dna-
Posts: 15959
Joined: Mon, 3. Jan 05, 14:11
x4

Post by -Dna- » Sat, 2. Mar 13, 00:31

Earth Journal

_______________________________________________________________________________________________

Presenza anarchica nel Sistema Solare: l'ATF smentisce
_______________________________________________________________________________________________


Di recenete le forze di difesa ATF hanno aumentato le pattuglie nelle zone remote della Nube di Oort e della Fascia di Kuiper. Ufficialmente, questa decisione è stata presa per evitare l'annidarsi di basi anarchiche e pirata o, peggio ancora, di programmatori illegali di AGI. Tuttavia, le voci riguardo un'altra versione si rincorrono per tutti i canali di comunicazione: secondo fonti non ufficiali, l'ATF è alla ricerca di basi anarchiche insediate nelle vecchie miniere dei settori minerari e di postazioni di trasmissione per spie aliene alla ricerca di tecnologie avanzate. Ovviamente questa versione è stata negata sia dall'ATF che dall'USC che dal Governo Terrestre.

Un'ulteriore prova a favore di questa versione non ufficiale ci viene data dai recenti avvenimenti: caccia danneggiati senza conoscerne la causa, ricognitori affiancati da navi non identificate, ID cancellati, software di navi riscritto e transiti di navi fantasma negli Acceleratori TransOrbitali. Questi avvenimenti, per ora, sono avvenuti nelle zone più remote del Sistema Solare e non hanno destato niente se non qualche risata di simpatia.

Se la notizia dell'infiltrazione aliena dovesse rivelarsi vera, l'intero Sistema Solare e i suoi abitati sarebbero in grave pericolo. Fino alla riunione con Aldrin e le altre colonie perdute, il GOverno Terrestre non ha mai dovuto affrontare una minaccia di spionaggio interna al sistema. Solitamente la strategia applicata dall'ATF è estremamente efficace nell'individuare AGI o i loro programmatori, ma i furti tecnologici non si sono mai registrati sino ad ora. Ora che il Sistema Solare è collegate con un pericoloso Universo occorre prendere in considerazione anche la possibilità che tra molti possibili alleati si nascondano dei malintenzionati.


Elena Armstrong
Earth Journal
Remember: Good things don't come to an end: good things just stop. ~ [cit. Sean "Day[9]" Plott]

:xenon: Xenon Love! \#/ :xenon:
:split: Grill the Borons! :split:
:pirat: Real pirates (ab)use Jumpdrive (and Rum) :pirat:

GVNN di Herron
Posts: 2602
Joined: Sun, 21. Oct 07, 15:58
x3tc

Post by GVNN di Herron » Sun, 3. Mar 13, 00:17

TELADI OBSERVER NEWS

CLAMOROSA AZIONE PIRATA IN TERRITORIO TERRESTRE

ASSALTATA NAVE CHE TRASPORTAVA ALTI GRADI MILITARI ARGON

”La notizia è di solo 3 stazura fa ma ha già fatto il giro di tutti i settori conosciuti: Il settore di Marte è stato testimone della più clamorosa azione pianificata dalla corporazione pirata di cui mai si abbia avuta notizia.

Mancava meno di un stazura all’ingresso della delegazione Argon nel settore della Terra. Le navi appartenenti all’ingente apparato di sicurezza allestito per la visita degli alti gradi Argon, dopo aver concluso la visita alla fabbrica si segnali si salto di Marte, aveva iniziato le procedure di ingresso all’acceleratore transorbitale che conduce al pianeta che e stato la culla dell’umanità. Tutto procedeva nel migliore dei modi: la Osaka USC “Bastet” si apprestava ad entrare per prima nell’acceleratore, seguita poi dalla USC Enterprise dai Caccia di classe Fenrir e dalla Osaka USC “Aton” quando da quest’ultima è stato captato all’improvviso un segnale non identificato presso la fabbrica che era stata visitata solamente 6 tazura prima.

Il convoglio è stato subito messo in allarme di grado 4 e i caccia sono passati alla retroguardia, ma nel giro di 3 mizura sono balzati nel settore ben 3 m7 Phanter che portavano chiaramente visibili sulla carlinga i disegni di alcune rane porpora, chiaro simbolo di appartenenza al Purple Frog, un clan pirata appartenente alla Corporazione. Le 3 navi hanno subito lanciato all’attacco tutti i caccia che portavano supportandoli nella azione.

Il loro obiettivo era chiaro: La fabbrica di segnali di salto.
Mentre la Enterprise lanciava l’allarme rosso allertando tutte le forze militari di Marte, la Aton ed i caccia si dirigevano verso le navi pirata per cercare di contenere l’attacco e guadagnare tempo mentre arrivavano i rinforzi. Contemporaneamente sollecitava la Bastet ad entrare nell’acceleratore per uscire dal settore e lasciare ad altri il compito di risolvere rapidamente il conflitto.

Proprio quando la Bastet terminava le operazioni di allineamento con l’acceleratore e iniziava il conto alla rovescia per il lancio, la Enterprise rilevava per la prima volta un altro segnale sconosciuto, molto vicino alla propria posizione, riconducibile al segnale rilevato dalla Aton e che era stato preludio dell’attacco pirata.

Il comandante della Enterprise, comprese immediatamente di essere caduto in una trappola: con la Bastet fuori gioco e con la Aton ed i caccia impegnati a contenere l’attacco pirata, la sua nave era restata sola.
Non era trascorso neppure un mizura dall’attivazione di questo nuovo segnale di salto che immediatamente si materializza una Kraken con i disegni tribali di un drago rosso sulle fiancate.

Ancor prima che i sistemi di puntamento dei PSP aggancino la Kraken, una miriade di missili H.H.T. colpiscono la Enterprise portando gli scudi sotto il 2 percento. Vengono lanciate otto scialuppe d’abbordaggio. Risulta evidente che non è un novellino il comandante della Kraken.

Sulla Enterprise risuona l’allarme abbordaggio. Ma qui si verifica il più grande colpo di scena: l’intero sistema informatico della Enterprise va in tilt dopo un attacco informatico della Kraken ,il sistema risulterà manomesso dall’interno in seguito.

Risultato scontato: la nave viene abbordata dai mercenari pirati. Si combatte ponte su ponte ma pare che i pirati siano forti, determinati, equipaggiati e preparati come la migliore elite delle forze di assalto terrestri.

Inoltre fatto ancora più sconvolgente, i pirati non si dirigono verso le zone nevralgiche della nave ma puntano diretti verso la zona dove erano alloggiati gli alti gradi Argon e li sequestrano.
Con i militari Argon in loro mano, i pirati, rendono i terrestri inermi e lasciano la nave a bordo di una scialuppa di abbordaggio rientrando sulla Kraken.

Un mizura dopo che gli argon sono saliti a bordo della M7M, tutte le navi pirata balzano via dal settore di Marte.
L’alto comando terrestre ordina lo stato di guerra in tutti i settori terrestri e ordina di condurre la Enterprise presso il Torus sotto massima sorveglianza onde poter appurare i fatti.

Le cose parevano mettersi male tra gli Argon ed i terrestri vista la irrisoria facilità con la quale i pirati erano riusciti a rapire i militari, ma solo 3 tazura dopo l’incredibile azione, una segnalezione anonima veniva fatta recapitare presso il comando della polizia di dogana di Asteroidi del sole segnalando un ts Boron che voleva introdurre in territorio terrestre bo fu contaminato. Alla successiva ispezione, in un container venivano ritrovati i militari Argon narcotizzati ma in ottime condizioni.

I servizi segreti Terrestri stanno ancora torchiando il povero Boron ma non hanno ancora ottenuto nulla da lui e pare che questo sia proprio un povero diavolo.

Il messaggio recapitato dalla corporazione pirata è chiaro: dove, come e quando vogliamo possiamo colpire.”


BEJEAN BEUF
Last edited by GVNN di Herron on Sat, 9. Mar 13, 00:03, edited 1 time in total.

User avatar
Capux
Posts: 2141
Joined: Sat, 31. Oct 09, 22:17
x4

Post by Capux » Sun, 3. Mar 13, 19:24

IBC NEWS - AUMENTA LA RICHIESTA DI MINERALE NEI SETTORI TERRESTRI

E' un dato di fatto come da pochi Tazura a questa parte sia aumentata notevolmente la richiesta di minerali e di silicati da parte di numerosi settori terrestri. Secondo le stime degli statisti Teladi, c'è stato un costante aumento nella fornitura della Jonferco che però non basta a coprire l'attuale fabbisogno, cosa che ha portato molte industrie a mandare i trasporti in ricerca di minerali nel Commonwealth, vista la mancata azione economica del Governo in risposta a questa necessità.

Per contro, la ATF e la USC hanno raddoppiato i controlli e ora circa il 70% delle navi in transito nei settori esterni viene scansionato o addirittura fermato - con conseguenti ritardi nella consegna e in generale nella catena di produzione delle fabbriche, che hanno registrato negli ultimi tempi una leggera flessione nella produzione. I più sono sul piede di guerra per riportare la situazione nella norma ed evitare che si radicalizzi: paura di molti membri dei consigli di amministrazione e dei sindacati, infatti, è che si possa creare una dipendenza economica dal Commonwealth, e che in caso di problemi nelle forniture esterne le fabbriche possano fallire.

Attualmente, voci non confermate asseriscono che il motivo principale di questa nuova richiesta di materie prime sia la drastica diminuzione di afflusso di minerale e silicati dai settori esterni del Sistema Solare - malgrado le smentite della ATF e della USC, i complottisti sostengono che parte dei trasporti venga misteriosamente saccheggiata o addirittura lavori per nemici del governo. Opinione più comune ed accettata, invece, è che parte delle miniere sia in esaurimento e che ne vadano semplicemente costruite di nuove in nuovi asteroidi più ricchi. Ancora, è plausibile che, visto il recente incremento di acquisti militari da parte delle forze terrestri, molte fabbriche siano state costrette ad aumentare la produzione in relazione all'aumento della domanda, richiedendo quindi una maggiore quantità di materie prime. Tuttavia, nessuna dichiarazione al riguardo è stata rilasciata, e nessuna versione ancora confermata.

Si fa intanto avanti la Plutarch, che ha in giornata presentato un progetto di rifornimento di minerale e silicati per i settori terrestri, presentandolo direttamente al Governo Terrestre che sta ora valutando l'offerta. Questa buona occasione per raggiungere la Jonferco non è stata però sfruttata solo dalla Plutarch: anche la NMMC, infatti, sarebbe al lavoro per organizzare una fornitura costante di minerali alle fabbriche terrestri. I dubbi che restano sono molti; se da una parte il governo valuta queste offerte ricevute dal Commonwealth, dall'altra è ancora solidamente ancorato alla rigida - e fino a poco fa perfettamente funzionante - autonomia economica attuata fino ad oggi.

Ceimioon Mannist, Interactive Broadcasting Corporation (IBC) News
ImageImageImageImage

User avatar
-Dna-
Posts: 15959
Joined: Mon, 3. Jan 05, 14:11
x4

Post by -Dna- » Sun, 3. Mar 13, 19:57

La benda sull'occhio
Network informativo per i clan pirata

Chi di spada ferisce, di spada perisce

Non sono nemmeno passate 12 ore dall'assalto al Sistema Solare compiuto da alcuni gruppi pirata che già è arrivata la presa di posizione da parte del Governo Terrestre. Pochi minuti fa, un'enorme nave Terrestre è comparsa nel bel mezzo della flotta pirata rientrante dall'assalto al Sistema Solare. La nave è rimasta nel settore giusto il tempo per caricare le sua armi a singolarità, colpire tutte le navi riducendone molte in relitti inutilizzabili, sganciare un container con un olo-proiettore integrato ed abbandonare il settore. Tutta l'azione è durata pochissimi secondo e le navi pirata non hanno fatto in tempo a reagire.

A battaglia conclusa solamente l'olo-proiettore troneggiava nel mezzo di quel campo di detriti proiettando nello spazio vuoto la frase "Anche noi =)", una chiara risposta a quello lanciato dai gruppi pirata.

Nessuno è però riuscito ad identificare la nave e a scoprire come sia riuscita a raggiungere quel luogo senza usare boe di salto o portali. Testimoni oculari affermano che la nave era addirittura troppo grande per passare in un portale. È invece certa l'origine del container: Famiglia Njy, provenienza confermata dai gruppi pirata di Fuga di Ghinn. Come sia finito in mano ai Terrestri è un altro mistero.

Anche se ormai siamo certi dell'infiltrazione pirata nei settori del Sistema Solare, nessuno credeva fino ad oggi che ci fosse un'infiltrazione Terrestre nel resto del Commonwealth. Non c'è altra spiegazione a come i Terrestri siano venuti a sapere della posizione della flotta. Il clan Purple Frog ha già puntato il dito contro gli anarchici di Fiducia di Hatikvah, definendoli dei traditori al soldo delle forze di sicurezza Argon. La pronta risposta del gruppo di Fiducia di Hatikvah non è tardata ad arrivare, con la morte per avvelenamento del tesoriere del gruppo pirata e il furto del suo conto corrente.

I nostri informatori negli altri governi non ci hanno inoltrato nessuna notizia di reazioni a questi eventi; sempre che siano ancora in vita (sono bravi ad informarsi, ma fanno schifo a sopravvivere... sapete che di recente abbiamo riaperto le assunzioni?).



Per La benda sull'occhio, Ja.Sp.
Remember: Good things don't come to an end: good things just stop. ~ [cit. Sean "Day[9]" Plott]

:xenon: Xenon Love! \#/ :xenon:
:split: Grill the Borons! :split:
:pirat: Real pirates (ab)use Jumpdrive (and Rum) :pirat:

simone1998
Posts: 928
Joined: Wed, 13. Jul 11, 18:49
xr

Post by simone1998 » Mon, 4. Mar 13, 21:48

Rapporto ATF sull'incidente di Marte avvenuto in data 3 Marzo 2939

Esaminando la sezione anteriore destra dello scafo della nave USC-Enterprise (USC-198-M2-4) abbiamo rilevato un rilevatore di salto di fattura non pirata, il dispositivo aveva la funzione di proiettare un "olo-segnale di salto" a circa 3.500 m dalla fiancata desta dello scafo della nave.
Continuando l'ispezione nelle zone interne della nave abbiamo trovato un supporto hardware delle dimensioni di un fermacarte collegato al nucleo del computer quantistico di bordo.
Ulteriori analisi su tale supporto hanno rilevato la presenza di di un software dal comportamento ostile progettato per aggirare il firewall crittografico della nave a accedere ai sistemi di controllo di : armi, scudi, e sistemi difensivi anti-abbordaggio.

Si esclude pertanto qualunque responsabilità da parte dell'equipaggio, che comunque ha tentato invano di resistere all'abbordaggio.

Il software ha anche cancellato le videoregistrazioni di sicurezza, i supporti ottici sono stati inviati al Centro Alta Tecnologia Della SIG. Corp.

L'analisi della complesso di produzione segnali di salto di Marte ha rilevato un analogo dispositivo di proiezione di salto settato a 5.750 m dalla sezione A-3 (hangar Inferiori) della stazione.

I dati raccolti sono stati inviati alla sezione di cyber-sicurezza dell'ATF al fine di studiare un adeguata difesa contro queste nuove minacce informatiche.

Una squadra di tecnici provvederà ad aggiornare l'inibitore di salto del Torus per far fronte ad ulteriori attacchi ne sistema solare.


_____________________________________________________________

Analisi della attacco condotto dalla nave XXXXX appartenente alla XXXXX nel settore Fuga di Ghin la nave un M2 classe kyoto ha effettuato il salto a 5 Km dalla flotta Pirata, ha caricato i Proiettori a singolarità puntiformi e ha aperto il fuoco contemporaneamente su tutte e tre le navi che componevano la flotta.

L'analisi dell Olo-proiettore ha dimostrato l'indubbia provenienza terrestre di esso.

L'analisi totale dei fatti porta a supporre che una corporazione avente accesso alle tecnologie sul Jumperdrive ha condotto tale azione a nome del governo terrestre.

Elenco dell corporazioni aventi accesso al Jumperdrive point -point:

-Ephaistos Corp.
-Mars Mining Corp.
-Terran security service
-SIG Corp.
-Artemis Building service
-Star Expo
-DNA Corp.
-Jonferco.

Consiglio di procedere nelle indagini contro queste corporazioni al fine di scoprire chi ha osato agire a nome dei terrestre senza la dovuta autorizzazione.

User avatar
Lucateo
Moderator (Italiano)
Moderator (Italiano)
Posts: 2308
Joined: Thu, 1. Jul 10, 11:11
x4

Post by Lucateo » Tue, 5. Mar 13, 19:39

L'esercito Argon presenta i suoi nuovi caschi per piloti di caccia

Caccia più veloci, più manovrabili, con armamenti sempre più avanzati. Questo, per un osservatore esterno, sembra essere l'unico mantra degli ambienti militari.
Senza ombra di dubbio i miglioramenti ingegneristici dei caccia continuano a essere la prima preoccupazione dei centri di sviluppo militari, ma ci sono altri aspetti che non vengono trascurati.
Uno di questi è l'integrazione pilota-caccia, uomo-macchina. Se da un lato alle navicelle da combattimento si riescono a ricavare prestazioni sempre migliori non è detto che a fronte di questi miglioramenti i piloti continuino a essere in grado di controllare i loro caccia perfettamente in ogni situazione.

L'esercito Argon ha pertanto deciso di sviluppare una nuova serie di caschi, dotata delle più avanzate tecnologie disponibili.
In una nota rilasciata dal Centro Ricerche Militari Argon si legge:

"Ci è stato chiesto se questi caschi sono il meglio. Possiamo affermare che si, lo sono. Si tratterà di una rivoluzione per i nostri piloti. Per la prima volta sarà il caccia ad adattarsi al pilota, e non viceversa.
Le manovre richieste ai nostri piloti sono estremamente complesse e spesso i nostri uomini si trovano ad affrontare situazioni mai sperimentate in addestramento.
Per questo abbiamo deciso di sviluppare questi nuovi caschi, il cui punto di forza è l'utilizzo di quella che abbiamo definito "realtà aumentata intelligente".
Da anni, infatti, la realtà aumentata viene utilizzata per mostrare ai piloti informazioni sull'obiettivo e dettagli di navigazione. La realtà aumentata intelligente permetterà ai piloti di interagire con i sistemi d'armi istantaneamente, semplicemente guardando un preciso punto.
Il nuovo casco inoltre interagirà costantemente con il computer di bordo, mostrando in tempo reale al pilota una straordinaria quantità di informazioni sul suo bersaglio, tra le quali rilevamento dei punti deboli del modello di caccia da affrontare, analisi dettagliata dell'equipaggiamento installato.
Nel caso il caccia venga puntato da un missile il computer di bordo mostrerà tramite il casco informazioni in tempo reale sul tipo di missile e soprattutto fornirà consigli sulle manovre da compiere per evitare l'impatto.
Vogliamo che i nostri piloti ottengano il massimo risultato in combattimento, e che non debbano mai distrarsi per avere informazioni sulla situazione. In guerra ogni istante è prezioso e può rappresentare il confine tra vita e morte."

Inizialmente la sperimentazione sarà avviata su alcune decine di piloti selezionati, per poi espandersi gradualmente al resto dei piloti Argon.

Lo sviluppo di nuovi caschi può apparire un aspetto di minore importanza, ma così non è. Rappresenta soprattutto un cambio di mentalità negli ambienti militari Argon: viene data sempre più importanza alla vita dei piloti, e alla salvaguardia della loro salute. Questo anche per evitare l'aumento di malcontento nell'opinione pubblica per perdite in guerra che sarebbero potuto essere evitate.
Image

GVNN di Herron
Posts: 2602
Joined: Sun, 21. Oct 07, 15:58
x3tc

Post by GVNN di Herron » Tue, 5. Mar 13, 23:32

TELADI OBSERVER NEWS


E’ ARGON IL NUOVO CAMPIONE UNIVERSALE DI TEXAS HOLD’EM


”Lo scorso wozura si sono svolti al casinò ‘All the stars you dream’ di Seizwell il campionato Universale di Texas Hold’em. La concorrenza era super agguerrita, visto il sontuoso montepremi messo a disposizione degli sponsor per l’incredibile evento.

A contendersi i cinquanta milioni di crediti lungo tutto il wozura, si sono presentati i migliori professionisti conosciuti e i vincitori dei tornei satellite che garantiva un posto ai tavoli di gioco.
Tutti erano concordi che il malloppo sarebbe nuovamente finito nelle tasche del teladi Tolussis Mar vincitore delle ultime quattro edizioni e professionista rinomato nonché numero uno del ranking.

Al tavolo finale a 8 sono giunti i seguenti giocatori:
Tolussis Mar (T), Olenussis Amet(T), Yohannis Enreaudis Garevonis III(T), Jason ‘wise’ Lorerns (A), Konig ‘Lucky’ Marteus(A), Kevin ‘allin’ Lefevre(Terr.), Urz ‘ice’ T’ruzz(S) e Maha Hihi (B).

A parte il ricchissimo commerciante teladi Olenussis Amet e l’Argon Konig Marteus, che sono non professionisti, erano presenti I primi sei della classifica universale.

Tutti gli analisti ed esperti di Texas, concordavano che i due amatori sarebbero usciti dal tavolo per primi in meno di un tazura ma le cose non sono andate così:
con una seri di all-in a ripetizione, Konig Marteus, che ha confermato una volta di più (per chi non lo conosce) che il soprannome ‘Lucky’ non è per nulla casuale, è riuscito a far fuori i cinque degli otto contendenti.

A questo punto visto che era in vantaggio di fiche ha preferito giocare più rilassato facendo ristagnare la partita finale per un paio di tazura.
Ma dopo l’ennesimo turno senza nessuna emozione, i bui erano saliti di un sacco e i nodi sono tutti venuti al pettine.

Alla mano finale si è giunti in questo modo:
Konig si è trovato in mano il dieci ed il nove di picche;
Kevin era con 2 assi;
Maha Hihi era con 2 donne.

Il giro è stato animato da una serie di rilanci non molto comprensibili soprattutto da parte di Konig che ha tentato un mezzo bluff a cui gli altri non hanno abboccato.
Le carte che sono uscite sono queste: asso di picche, donna di picche e donna di fiori.

Maha Hihi ha subito messo sul piatto metà delle sue fiche rilanciato da Konig che continuava nel suo bluff e rilanciato a sua volta da Kevin che poi è stato visto dagli altri.
Al turn esce l’asso di cuori: Kevin va Allin visto immediatamente da Maha.

Konig a questo punto ci ha pensato su una buona decina di mizura. Lui era sicuramente mal messo rispetto ai suoi contendenti. Alla fine ha sorriso ed è andato allin baciando la sua ultima fiche.
L’atmosfera era tesissima e non volava neanche una mosca spaziale.

Si è giunti al river: il cruipier ha svolto il suo compito con esasperante lentezza conscio del fatto che il momento era topico e il pubblico presente ed in collegamento olovisivo stava trattentendo il respiro.
Jack di picche! Scala massima di Konig che si conferma ancora più ‘Lucky’ di sempre.

Un boato incredibile esplode nella arena allestita all’interno del casinò per la manifestazione.
Konig ha preteso che il Jack di picche venga a lui consegnato con buona pace del crupier.

Il vincitore porta nelle proprie casse un bel malloppone.
Interrogato su cosa intenda fare con la carta vincente Konig ‘Lucky’ Marteus ha così risposto:

- La incornicerò e la metterò in plancia sulla Justice for All quando sarà finita la sua riparazione.”


BEJEAN BEUF

Post Reply

Return to “L'Universo della Trilogia di X”